BIBLIOGRAFIA - VIAGGI DELLA MEMORIA


I testi indicati sono selezionati in base ad alcuni criteri, senza alcuna pretesa di sistematicità o completezza, ma in quanto segnalati dai nostri iscritti e dai partecipanti ai nostri viaggi finora effettuati:
- sono reperibili nel sistema bibliotecario presente in ogni nostra località (e accessibile gratuitamente a tutti)
- sono sia di facile lettura – come le testimonianze, i resoconti storici, le cronache, sia di riflessione più impegnativa per chi volesse approfondire;
- sono frutto di conoscenza personale diretta.

Ringraziandovi, invitiamo chi conoscesse altri testi che ritiene utile segnalare, a farlo: pensiamo che sarà molto utile e gradito a tutti!


CAMPO DI AUSCHWITZ  |  TESTIMONI  |  RESISTENZA EBRAICA  |  RIFLESSIONI

CAMPO DI AUSCHWITZ



autori: Umberto Gentiloni Silveri
titolo: BOMBARDARE AUSCHWITZ
editore: Mondadori
pagine: 128

Perchè gli alleati non bombardarono Auschwitz? Con quali ritardi, con quanta fatica, il mondo venne a conoscenza progressivamente a partire dal 1942, di cosa stesse succedendo nei campi di concentramento e di sterminio, e chi ne era vittima.



autori: Rudolf Höss
titolo: COMANDANTE AD AUSCHWITZ
editore: Einaudi
pagine: 266

Il comandante di Auschwitz, Rodolf Hoss, condannato e giustiziato nello stesso campo dagli alleati dopo la liberazione, descrive, nel racconto della sua vita, con precisione la struttura del campo, le condizioni dei detenuti, la vita quotidiana. Una ricostruzione memorabile dalla parte di un nazista fino allora convinto.

torna all'indice

TESTIMONI



autori: Primo Levi
titolo: SE QUESTO È UN UOMO
editore: Einaudi
pagine: 247

Primo Levi, ebreo, partigiano, chimico torinese, racconta in un capolavoro tradotto in tutto il mondo, un anno trascorso ad Auschwitz/Monowitz, evitando con il lavoro forzato l'eliminazione, fino alla liberazione. Il libro simbolo dell'orrore del Lager ma anche un messaggio morale e civile.

segnalato da: Stefano Zocchio



autori: Anna Frank
titolo: DIARIO
editore: Einaudi
pagine: 306

Il 12 giugno 1942, per il suo tredicesimo compleanno, Anne Frank riceve in regalo un diario. In quelle pagine l'indicibile orrore della persecuzione e della deportazione del popolo ebraico assume una dimensione quotidiana e insieme universale attraverso lo sguardo di una tredicenne ironica, vivace e profonda, animata da una grande voglia di vivere.



autori: Primo Levi
titolo: LA TREGUA
editore: Einaudi
pagine: 255

Il libro della liberazione e del ritorno dai campi, il seguito di Se questo è un uomo. Il rimpatrio da Auschwitz alla fine del 1945 dopo un viaggio tortuoso e assurdo attraverso mezza Europa devastata dalla guerra. Una storia movimentata e variopinta, primavera finalmente di libertà.



autori: Elie Wiesel
titolo: LA NOTTE
editore: Giuntina
pagine: 112

Eli Wiesel, premio Nobel per la Pace nel 1986, nato in Romania e tuttora vivente negli Stati Uniti, racconta la permanenza fino alla liberazione ad Auschwitz, internato con il padre che non sopravvisse. La storia vissuta da un adolescente.



autori: Shlomo Venezia
titolo: SONDERKOMMANDO
editore: Bur
pagine: 235

Shlomo Venezia, ebreo italiano nato a Salonicco/Grecia sopravvisse, fino a pochi anni fa, ad un duplice orrore: quello di essere internato ad Auschwitz e quello di essere stato parte della brigata di ebrei addetta allo sgombero delle camere a gas e dei forni. L'unico reparto del campo che fu protagonista di un drammatico tentativo di rivolta di massa, stroncato ferocemente dai nazisti.



autori: Giovanna Caldara - Mauro Colombo
titolo: TANTO TU TORNI SEMPRE - INES FIGINI LA VITA OLTRE IL LAGER
editore: Melampo
pagine: 150

Come finì un gruppo di operai di Como nel lager di Auschwitz ? Da uno sciopero di fabbriche tessili represso dalle SS, un anno nel campo fino alla liberazione ed al ritorno. La storia di una ragazza di vent'anni, tuttora vivente, straordinariamente ricca di energia fisica e di forza morale.



autori: Emanuela Zuccalà
titolo: Sopravvissuta ad Auschwitz. Liliana Segre, una delle ultime testimoni della Shoah
editore: Paoline
pagine: 160

Liliana Segre milanese fu internata a 13 anni con il padre, da cui fu separata presto e che non rivide più, e si salvò con l'energia della giovane età. Una infaticabile testimone tuttora vivente della Shoa, promotrice tra gli altri del museo di Binario 21 alla Stazione Centrale di Milano.



autori: Affinity Konar
titolo: GEMELLE IMPERFETTE
editore: Longanesi
pagine: 360

Stasha e Pearl Zamorski sono ad Auschwitz alle prese con gli esperimenti medici di Mengele sui corpi dei gemelli. Chiuse rispetto al resto del mondo, le due ragazze cercano di farsi forza una con l’altra. Insieme cercheranno una nuova speranza e faranno di tutto per affidare Mengele nelle mani di una qualche giustizia.

segnalato da: Francesca Barbanti



autori: Wlodek Goldkorn
titolo: Il bambino nella neve
editore: Feltrinelli
pagine: 208

Cos’è la memoria? Cos’è il passato? Cosa resta delle vite e delle morti di chi abbiamo amato, di chi ci ha preceduto? Riflessioni universali, che diventano lancinanti quando si applicano al passato di un ebreo, polacco e comunista, cresciuto nel dopoguerra in una patria che l’ha poi rinnegato.

segnalato da: Tiziana Gettuli



autori: Annette Wieviorka
titolo: Auschwitz spiegato a mia figlia
editore: Einaudi
pagine: 82

Perché i nazisti spesero tante energie per sterminare milioni di uomini, donne e bambini, soltanto perché erano ebrei? Perché Hitler riteneva gli ebrei la maggior minaccia per il Terzo Reich? Chi sapeva quello che succedeva e chi poteva fare qualche cosa? Perché gli ebrei non hanno opposto resistenza? Annette Wieviorka risponde alle domande di sua figlia Mathilde su Auschwitz e la distruzione degli ebrei d'Europa. Domande crude e dirette che esprimono l'incredulità di chi non può concepire l'assurda tragedia dei lager nazisti.

segnalato da: Fulvio Franchini

torna all'indice

LA RESISTENZA EBRAICA





autori: Marek Edelman
titolo: C'era l'amore nel ghetto
editore: Sellerio
pagine: 176

autori: Marek Edelman
titolo: Il ghetto di Varsavia lotta
editore: Giuntina
pagine: 113

Eppure gli ebrei polacchi tentarono di ribellarsi. Avvenne a Varsavia dove Marek Edelman, poco più che ventenne guidò la rivolta nel ghetto con un esercito clandestino di ragazze e ragazzi, nella primavera del 1943. Fu tra i pochissimi sopravvissuti di una epopea di eccezionale coraggio, forza, determinazione, ma anche di amore ostinato per la vita, che per lui è continuata comunque in Polonia fino a pochi anni, fa come medico.

segnalato da: Maurizio Corti

torna all'indice

RIFLESSIONI



autori: Primo Levi
titolo: I SOMMERSI E I SALVATI
editore: Einaudi
pagine: 167

Primo Levi torna sull'esperienza nel Lager con molte domande ed alcune risposte: fin dove può giungere l'uomo nel ruolo del carnefice, ma anche in quello della vittima? Quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Era possibile ribellarsi? Un libro anche contro ogni falsificazione e negazione della realtà.



autori: Zygmunt Bauman
titolo: Modernità e olocausto
editore: Il Mulino
pagine: 279

Zygmunt Bauman, ebreo polacco morto nel 2017, filosofo studiato in tutto il mondo, non considera lo sterminio una barbara ma temporanea deviazione dalla via della civilizzazione. Al contrario, descrive l'Olocausto come un fenomeno connesso alla logica della modernità dell'Occidente.
A maggior ragione, una lezione da apprendere perché non si ripeta.


segnalato da: Maurizio Corti



autori: Arendt
titolo: LA BANALITÀ DEL MALE
editore: Feltrinelli
pagine: 312

Hannah Arendt, ebrea tedesca fuggita negli Stati Uniti prima dell'olocausto, giornalista e docente di filosofia, nel 1961 assiste a Gerusalemme al processo a Rudolf Eichmann, altissimo dirigente del programma di sterminio rifugiato in Argentina e lì catturato dagli israeliani. Il male tanto più terribile perché i suoi servitori non sono che piccoli, grigi burocrati.

torna all'indice


Chiunque voglia segnalare la lettura di altri testi, può scrivere a info@anpivillasanta.it; le vostre segnalazioni verranno verificate e pubblicate.